#happy from cesano boscone

Standard

Come tutti sanno ci sono masse globali adoranti in attesa di un mio commento alla condanna ai servizi sociali di Berlusconi, e quindi non mi è concessa la possibilità di sottrarmi a questa richiesta cosmica.

Lo confesso, il mio primo pensiero è il più classico dei pensieri negativi veterogiustizialisti. Sono però consapevole di vivere in un momento in cui l’imperativo unico e categorico è quello di cambiare verso e pensare positivo, per cui ribalterò l’iniziale negatività con due pensieri estremamente positivi, very #happy. Continua a leggere

#renzinomination

Standard

Da un po’ di tempo imperversa nei social network una specie di catena di Sant’Antonio 2.0, il gioco delle #nomination.

Nella sua esecrabile versione, la #neknomination, il gioco prevedeva che la persona nominata dovesse ingurgitare litrate di alcool e compiere gesti folli, che spesso si sono trasformati in tragedia, per poi nominare a sua volta un nuovo idiota.

In risposta a questa drammatica versione è nata una versione sana, la #booknomination, in cui la persona nominata deve citare il brano di un libro, per poi nominare un amico/a, e così via.

È così che il nostro amatissimo premier si deve esser detto: “Benedetto lampredotto! E io non gioco?!”.

È nato così il gioco delle #renzinomination. Il gioco si svolge in questo modo: ognuno, a partire a cascata dal premier, sceglie un ruolo elettivo a caso dal repertorio previsto dalla nostra Costituzione, ne rottama la caratteristica di elettività e nomina un amico in quel ruolo. E così via, di amico in amico. Continua a leggere